Sconti sui farmaci equivalenti “nascosti” e ” fattura prestazioni di servizi”, sono regolari?

Sconti sui farmaci equivalenti “nascosti” e ” fattura prestazioni di servizi”, sono regolari?

5
0

Le aziende che trattano e vendono generici cedono la fascia A a circa il 41% di sconto che viene poi elevato in vari modi; ad esempio la farmacia fa alla ditta una fattura per “prestazioni di servizi relativi ad un certo progetto X”, la ditta a tempo debito pagherà alla farmacia questa fattura. Tutto questo è regolare?

Marcato come spam
Chiesta: 16 Giugno 2015 6:36
2216 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Le quote minime della filiera sul prezzo al pubblico dei farmaci, come noto, sono state distribuite tra industria, grossisti e farmacie rispettivamente nelle misure del 58,65%, del 3% e del 30,35%.
Sui farmaci equivalenti (c.d. generici) una ulteriore quota, pari all’8% del margine dell’industria, può essere ridistribuita tra grossisti e farmacie in base alla libera contrattazione tra gli operatori del settore.
Tali quote devono ritenersi vincolanti, fatta eccezione, per l’appunto, per l’8% e tenuto conto che sono previste specifiche sanzioni per chi trasgredisce.
Conseguentemente, in caso di acquisto di farmaci equivalenti dall’industria lo sconto massimo ottenibile per legge dalla farmacia è pari a (30,35% + 3% + 8% =) 41,35%.
Tuttavia questo limite viene eluso con una certa frequenza stipulando con il fornitore accordi commerciali con i quali il farmacista si impegna a promuovere il prodotto attraverso l’esposizione “privilegiata” nelle scaffalature e/o nelle vetrine delle confezioni stesse e/o di altro materiale pubblicitario o ancora pubblicizzando il marchio sul proprio sito web.
Venendo finalmente al quesito, ci pare di doverLe suggerire di percorrere – finché possibile – la “via maestra” dello sconto (anche sotto forma di sconto merce, magari di prodotti della categoria parafarmaco) e, solo qualora le condizioni commerciali che siamo riusciti a “strappare” al nostro fornitore superino il massimo concedibile (come detto, il 41,35%), di ricorrere a queste forme di collaborazione.

(roberto santori)

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 16 Giugno 2015 6:37

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.