Società tra farmacista e “non farmacista”, quest’ultimo può sciogliere la società?

Società tra farmacista e “non farmacista”, quest’ultimo può sciogliere la società?

2
0

Una farmacia fallita, acquistata dal tribunale da un “non farmacista” come assuntore e poi nomina quale gestore dell’esercizio farmaceutico un farmacista che assume la titolarità della farmacia, e si intesta la farmacia come ditta individuale. Però viene stipulata una scrittura di società di fatto con la quale si stabiliva sostanzialmente che i due soci apportassero il loro contributo economico per far fronte alle esigenze del concordato in pari misura, che la titolarità e l’esercizio aziendale della farmacia, acquistata in comunione e con esborso di uguale somma di danaro da parte di ognuno di loro, appartenesse agli stessi in parti uguali pur se intestata al solo farmacista essendo l’unico tra i due in possesso dei requisiti di legge per la direzione e la gestione della farmacia. Il “non farmacista” può chiedere il 50% del valore attuale della farmacia per sciogliere la società? (che esiste solo sulla scrittura privata) O il capitale iniziale per l’acquisto del 50% della farmacia?

Marcato come spam
Chiesta: 27 Luglio 2015 23:00
694 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

La situazione delineata appare in contrasto con il primo comma dell’art. 11 della legge 475/68 che recita:
1. Il titolare della farmacia ha la responsabilita’ del regolare esercizio e della gestione dei beni patrimoniali della farmacia.
Tale testo ha sostituito nel 1991 il precedente che prevedeva la decadenza in caso di non osservanza della piena disponibilità dei beni patrimoniali della farmacia. Tuttavia tale concetto potrebbe essere ancora oggi applicabile.
La forma corretta sarebbe stata quella di costituire un’associazione in partecipazione con apporto del 50% del valore. Credo che tale situazione vada rimossa prima possibile, tenuto anche conto del fatto che se si apre un contenzioso tra i due, la scrittura privata deve essere registrata e quindi resa pubblica.

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 27 Luglio 2015 23:05

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.