Stipendio farmacista: cosa fare in caso di ritardato pagamento?

Stipendio farmacista: cosa fare in caso di ritardato pagamento?

0
0

Da alcuni mesi, il pagamento dello stipendio nella farmacia dove lavoro subisce ritardi sistematici. In particolare, il ritardato pagamento avviene con circa un mese – un mese e mezzo rispetto alla mensilità di riferimento. Quali sono le mie opzioni come farmacista per affrontare questa situazione e assicurarmi di ricevere la mia retribuzione per tempo?

Marcato come spam
Domanda del 7 Febbraio 2024
319 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 4 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Il pagamento della retribuzione deve avvenire ogni mese e, nel caso in cui il datore di lavoro non rispetti questa scadenza, quest’ultimo deve considerarsi automaticamente in mora.

Al fine di ottenere il rispetto della tempistica di pagamento dello stipendio, in prima istanza il farmacista potrà rappresentare al datore di lavoro – per le vie brevi – l’esigenza di riceverlo nei termini stabiliti, al più tardi entro il giorno 15 del mese successivo.

Qualora la situazione dovesse perdurare, lo stesso farmacista potrà inviare il sollecito di pagamento tramite raccomandata A/R, Pec o consegna a mano con evidenza di ricezione da parte del datore di lavoro. Si evidenzia che il ritardo sistematico fa maturare interessi di mora a favore del lavoratore e, quindi, quest’ultimo potrà valutare l’opportunità di inserire nella comunicazione anche il riconoscimento di queste somme aggiuntive.

Il passo successivo è quello rappresentato dal ricorso alla Dtl – Direzione Territoriale del Lavoro – presentando un esposto al fine di ottenere una conciliazione con il datore di lavoro.

Ultimo passo che può essere compiuto in mancanza di ottenimento di risultati a seguito delle procedure precedenti è il ricorso al Tribunale presentando un decreto ingiuntivo e facendosi seguire da un legale. È evidente che questo approccio potrebbe compromettere il rapporto fiduciario necessario tra datore di lavoro e lavoratore.

In caso di ritardo grave – reiterato ritardo nei pagamenti e arretrati di almeno due buste paga – , il farmacista potrà, infine, presentare le dimissioni per giusta causa non dovendo, in questo caso, rispettare i termini di preavviso e potendo accedere all’indennità di disoccupazione.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 7 Febbraio 2024

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.