Stipendio farmacista, può essere pagato “ad ore”?

Stipendio farmacista, può essere pagato “ad ore”?

0
0

Il mio titolare ha deciso di pagare il mio stipendio a ore. Premesso che ho un regolare contratto full time a tempo indeterminato, con il pagamento a ore non mi viene quasi mai riconosciuta la mia paga base perché quasi mai un mese ha i canonici 22 giorni lavorativi. Così perdo inevitabilmente molti soldi. Ma è legale tutto ciò, soprattutto in considerazione del fatto che sul mio contratto è specificato che devo fare 40 ore settimanali? Potrò mai recuperare i tanti soldi persi?

Marcato come spam
Chiesta: 3 Giugno 2016 12:02
752 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Il contratto di lavoro può prevedere una retribuzione mensile oppure oraria; nel primo caso l’importo è fisso e prescinde dalle ore lavorate, mentre nel secondo caso l’importo varia in base alle ore effettivamente lavorate. Entrambe le modalità di retribuzione sono lecite e adottabili dai datori di lavoro, anche per i collaboratori di farmacia.

Il CCNL dipendenti farmacie (Art. 18 Calcolo della retribuzione oraria e giornaliera) prevede che “La retribuzione giornaliera si ottiene dividendo la retribuzione mensile per 26. La quota oraria di retribuzione si ottiene dividendo la retribuzione mensile per 173”.

Avv. Maria Monteleone

Marcato come spam
Pubblicato da Avv. Maria Monteleone
Risposta: 3 Giugno 2016 12:03

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.