Titolare farmacia e parafarmacia: può lavorare in entrambe?

Titolare farmacia e parafarmacia: può lavorare in entrambe?

0
0

Un titolare di farmacia (ditta individuale) decide di aprire, con la medesima partita Iva, una parafarmacia. È costretto a nominare un responsabile della parafarmacia (ad esempio uno dei suoi farmacisti dipendenti) oppure può essere lui, sebbene sia già titolare e direttore della farmacia? Questo eventuale dipendente, se nominato responsabile della parafarmacia, deve lavorare esclusivamente nella parafarmacia oppure può ruotare, insieme agli altri colleghi, tra farmacia e parafarmacia (visto che la ragione sociale è la medesima)?

Marcato come spam
Chiesta: 1 Luglio 2022 20:07
301 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 4 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

In una situazione come quella prospettata, entrambe le imprese, la Farmacia e la Parafarmacia, possono essere esercitate dal medesimo Titolare persona fisica, senza necessità di aprire una ulteriore P.IVA, e con l’onere di effettuare le comunicazioni dei Farmacisti addetti all’esercizio del nuovo ramo di azienda.
Se la duplice titolarità è quindi da considerare ammessa, non potrà però sussistere in capo al Titolare il doppio ruolo di Direttore Responsabile sia dell’una sia dell’altra.
Occorre inoltre considerare che, all’interno dei nuovi e diversi spazi in cui si effettuerà l’attività del nuovo ramo, dovrà essere assicurata una presenza di uno o più farmacisti abilitati e iscritti all’Ordine che vada a coprire tutto l'orario di apertura del nuovo esercizio commerciale, anche facendo ricorso a turni.
Per quanto riguarda, invece, la figura del Responsabile, saranno ascritti in capo a lui gli obblighi relativi alla disciplina normativa relativa a vendita al pubblico di medicinali, farmacovigilanza e tracciabilità.
Potrebbe essere quindi prospettabile di riservare a sé, bi-titolare, la nomina di responsabile della parafarmacia, facendo ruotare i dipendenti nel nuovo esercizio, sì da coprire con i turni tutto l’orario di apertura, e nominare, per la Farmacia, un farmacista dipendente con orario a tempo pieno, potendo inoltre essere lo stesso titolare uno dei farmacisti che opera nella parafarmacia, anche per turni ridotti, assistendo i clienti nell’acquisto dei medicinali di automedicazioni o in altre richieste.
Confidando nella chiarezza e nella esaustività della risposta fornita, rimango a disposizione per chiarimenti e delucidazioni, augurando un meraviglioso proseguimento e un buon lavoro.
Cordiali saluti
Silvia Di Domenico

Marcato come spam
Pubblicato da Silvia Di Domenico
Risposta: 1 Luglio 2022 20:07

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.