Turni notturni farmacista, quale è la retribuzione?

Turni notturni farmacista, quale è la retribuzione?

0
0

Leggevo un articolo sui turni notturni in farmacia e mi chiedevo se fosse possibile la retribuzione a notte di 120 Euro. Lavoro da 30 anni in una farmacia rurale e nel mio contratto sono compresi i turni che però, nonostante io stia in monolocale adibito sopra la farmacia mi viene retribuito come reperibilità, come da contratto nazionale quindi una cifra irrisoria più le eventuali chiamate. Mi potreste spiegare queste differenze di valutazione?

Marcato come spam
Chiesta: 24 Marzo 2022 7:32
230 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 8 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Per rispondere compiutamente al quesito in oggetto è necessario fare distinzione tra il servizio notturno (dall’orario di chiusura serale all’orario di apertura mattutina) a porte aperte e quello eseguito a porte chiuse.

Come si evince dall’art. 21 del CCNL di settore, al farmacista che svolge il servizio a porte aperte, oltre alla retribuzione di fatto, è riconosciuta una maggiorazione del 20% della quota oraria normale per le prime 8 ore di servizio. Per le ore successive, la maggiorazione del 20% è applicata alla retribuzione maggiorata della percentuale dovuta all’orario straordinario (ulteriore 20%).

Per il servizio svolto a porte chiuse, le maggiorazioni come sopra indicate sono, rispettivamente, del 16% e del 10%.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 24 Marzo 2022 7:33

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.