Turno notturno farmacista collaboratore, quale è la remunerazione se fatto parzialmente in farmacia e fuori farmacia?

Turno notturno farmacista collaboratore, quale è la remunerazione se fatto parzialmente in farmacia e fuori farmacia?

1
0

Con riferimento al turno notturno farmacista collaboratore, quale dovrebbe essere la remunerazione se fatto fino alle 24.00 in farmacia e dalle 24.00 in poi fuori la farmacia, seppur con reperibilità telefonica sul cellulare? La farmacia è urbana.

Marcato come spam
Chiesta: 8 Maggio 2017 19:34
6641 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

1
Domanda Privata

Il CCNL stabilisce che “viene considerato servizio notturno quello prestato tra l’ora di chiusura serale e l’ora di apertura mattutina della farmacia”.
Nel turno di lavoro notturno, per calcolare la retribuzione spettante, si deve fare una distinzione tra turno di lavoro svolto a battenti aperti e turno di lavoro svolto a battenti chiusi.
Il servizio a battenti aperti viene retribuito con la sola maggiorazione del 20% per le prime 8 ore di lavoro, mentre le restanti ore vengono compensate con la retribuzione oraria più la maggiorazione del 20%.
Il servizio a battenti chiusi viene retribuito con la sola maggiorazione del 16% per le prime 8 ore di lavoro e con la retribuzione oraria più la maggiorazione del 10% per le restanti ore.
Naturalmente, per le prime 8 ore viene erogata la sola maggiorazione perché queste sono già state retribuite nello stipendio fisso mensile, mentre, superate le 8 ore, vengono retribuite come se fossero ore di straordinario, e dunque con la retribuzione oraria più la maggiorazione.
Se il lavoro notturno coincide con la domenica, le maggiorazioni restano invariate e il lavoratore ha diritto al giorno di riposo compensativo.
Se il lavoro notturno coincide invece con una festività infrasettimanale, le ore lavorate verranno retribuite con la maggiorazione del 30%.
Per le ore di reperibilità notturna in cui il dipendente non svolge attività lavorativa, gli spetta l’indennità di reperibilità, corrispondente globalmente al 10% della retribuzione di fatto mensile.
Inoltre gli deve essere corrisposto un diritto fisso per ogni chiamata pari all’importo stabilito dalla Tariffa Nazionale.
Se la reperibilità è svolta nella giornata di domenica o in quella del riposo settimanale, la percentuale passa al 12%.
Nel caso specifico, il lavoro svolto fino alle ore 24,00 va retribuito con le maggiorazioni sopra indicate, tenendo conto del servizio svolto a battenti aperti o chiusi, nel rispetto dei limiti orari, superiori o inferiori alle 8 ore; mentre per le ore di reperibilità notturna competerà il 10% o il 12% calcolato sulla retribuzione oraria.

* * *

Con i migliori saluti.
Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 8 Maggio 2017 19:34

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.