Vendita farmacia: quali tutele per i dipendenti?

Vendita farmacia: quali tutele per i dipendenti?

0
0

In caso di vendita di una farmacia ad altro titolare o catena di farmacie, quali tutele hanno i dipendenti? Il nuovo datore di lavoro è obbligato a mantenere assunta la forza lavoro in essere al momento della vendita?

Marcato come spam
Domanda del 4 Ottobre 2023
297 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 6 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

In caso di cessione della farmacia – come in caso di cessione di qualunque azienda – vigono una serie di tutele a favore dei dipendenti stabilite dall’art. 2112 del codice civile.

L’articolo citato, infatti, recita: «In caso di trasferimento d'azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario e il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano». Ciò comporta, quindi, la continuità del rapporto di lavoro, che sarà alle dipendenze dell’acquirente della farmacia prevedendo che i rapporti di lavoro di tutti i dipendenti passano automaticamente alle dipendenze del nuovo proprietario non essendo necessario nemmeno il consenso del singolo lavoratore.

Si aggiunga che il lavoratore – oltre al diritto di cui sopra – conserva anche tutti gli altri diritti maturati con il precedente datore di lavoro; si fa riferimento, ad esempio, all’anzianità maturata o agli eventuali crediti del lavoratore in essere al momento della cessione.

In sintesi, il cambio di proprietà della farmacia non muta i rapporti lavorativi e i diritti acquisiti dai lavoratori.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 4 Ottobre 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.