Lavoro dipendente e farmacista collaboratore, sono attività compatibili?

Sono dipendente (8 ore) di un cooperativa in cui faccio il direttore tecnico di un deposito all’ingrosso dei medicinali. Non facciamo la vendita, ma solo la gestione del deposito e poi la distribuzione. Il nostro cliente è l’ASL. Essendo un servizio dell’ASL è necessario iscritto all’Ordine. A me è stato proposto di fare i turni notturni in una farmacia come farmacista collaboratore. Il lavoro mi impegnerà solo al massimo 2 notti la settimana. Vorrei sapere se le 2 attività sono compatibili? Cosa mi potrebbe consigliare?